Il Curriculum del Chiropratico

 
 

Il titolo di Dottore in Chiropratica si può conseguire attualmente soltanto all'estero (USA, Canada, Inghilterra, Francia, Danimarca, Australia e Giappone). Per tale motivo questo titolo è ancora poco conosciuto in Italia. Il corso di studi ha la durata di 5 anni (con obbligo di frequenza) e per essere valido deve essere riconosciuto dal Council of Chiropractic Education (ECCE).

Lo studente di chiropratica oltre a sostenere gli esami teorici e pratici di medicina (escluso chirurgia) sostiene studi specifici di chiropratica a partire dal primo anno.

In 29 stati del mondo esiste, già da molti anni, una legge che regola e riconosce la chiropratica come medicina complemantar; di conseguenza, in questi stati, un chiropratico svolge la sua professione anche nelle strutture pubbliche.

Finalmente anche in Italia, con la legge finanziaria 2008 (comma 355, art.2, II emendamento) la chiropratica è stata riconosciuta come professione sanitaria di grado primario nel campo del diritto alla salute e di conseguenza i dottori in chiropratica possono esercitare liberamente le proprie mansioni ed essere inseriti nelle strutture del Servizio sanitario nazionale. Si tratta di una grossa conquista, soprattutto se si considera che attualmente la Chiropratica è l'unica medicina complementare riconosciuta dal governo italiano.

Prossimamente, verrà pure attivato il corso universitario di chiropratica, sul modello di quelli già esistenti in Europa e in molti Paesi del Mondo.

Un corso universitario tipico in chiropratica è della durata di 4800 ore di lezioni frontali, tra le quali:

  • Anatomia (600 ore),
  • Fisiologia (250 ore),
  • Patologia (380 ore),
  • Diagnosi (650 ore),
  • Ortopedia (250 ore),
  • Neurologia (350 ore),
  • Psicologia (60 ore),
  • Corsi specifici sulla chiropratica.

Nelle università chiropratiche la qualità della formazione non dipende solo dal piano di studi ma anche dalla competenza del personale docente. Anche questo particolare è regolato da standard internazionali.

AECC - Entrata principale AECC - Entrata secondaria